Istant_8

Istant_8

Polina

Quell’ordine di andare alla roulette mi aveva fatto l’effetto di un pugno in testa. Cosa strana: avevo di che riflettere e invece mi sprofondai nell’analisi dei miei sentimenti per Polina. In verità in quelle due settimane di assenza mi ero sentito meglio di adesso giorno del mio ritorno anche se durante il viaggio avevo sofferto di una tremenda nostalgia di lei, mi ero agitato come un ossesso e persino in sogno l’avevo continuamente davanti a me. Una volta (successe in Svizzera) addormentantomi in treno mi ero messo sembra a parlare ad alta voce con Polina facendo ridere tutti i miei compagni di viaggio. E ancora una volta mi chiesi se la amavo. E ancora una volta non seppi rispondere cioè per meglio dire per la centesima volta risposi a me stesso che la odiavo. Sì lei mi era odiosa. C’erano dei momenti (e precisamente ogni volta che concludevamo i nostri colloqui) che avrei dato metà della mia vita per strozzarla.
Fëdor Dostoevskij, Il giocatore

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...